BenessereCittadinanza e PartecipazioneFormazione e LavoroIstituti superiori e Enti di formazioneNews

APIARIO URBANO del PAG _ produrre miele sul colle di San Giusto

Si è appena conclusa al Polo Giovani di San Giusto la quarta edizione di “Le nostre Amiche Api”, un progetto che rientra nell’ambito dei PCTO _ Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento dedicato all’apprendimento della gestione e della cura di un apiario urbano che ha prodotto un raccolto di quasi 30 chilogrammi di miele.

L’assessore alle Politiche dell’Educazione e della Famiglia, Nicole Matteoni, commenta così l’iniziativa: “Complimenti agli studenti coinvolti, a chi li ha sostenuti durante questo percorso di formazione e all’Ufficio Giovani del Comune di Trieste per questo importante risultato. Grazie a questo percorso, si è giunti a una produzione di miele davvero importante e questo proprio in pieno centro città, nella magnifica cornice del Polo Giovani Toti, punto di riferimento per gli under35 di Trieste. Sviluppare questo tipo di attività, oltre al valore sociale di tutela delle api e quindi della biodiversità, diventa centrale per le nuove generazioni e per ampliare le loro prospettive future, anche lavorative. Come Assessorato competente, continuerò a sostenere queste iniziative sperando di coinvolgere sempre più scuole e studenti in questo tipo di percorsi di formazione”.

La formazione teorico pratica è stata curata dall’azienda apistica I Doni dell’Ape. Il percorso, durato 4 mesi, ha avvicinato 16 studenti dell’I.T.S. Deledda Fabiani dell’indirizzo biotecnologie ambientali, al mondo dell’apicoltura. I ragazzi hanno potuto così acquisire, con la costante supervisione degli esperti, le competenze di base per essere autonomi nella gestione delle 5 arnie. Un’attività completa che sviluppa la cosiddetta biofilia, ossia l’attitudine positiva ad ampliare la sensibilità e l’interazione con gli stimoli provenienti dall’ambiente naturale.

Una parte della formazione è stata dedicata alle potenzialità lavorative ed imprenditoriali nel settore apistico, offrendo suggerimenti e indicazioni su come avviare un’impresa produttiva “green”. Oltre a ciò, è stata affrontata l’emergenza dell’insediamento, anche in Italia, del Calabrone asiatico (vespa velutina) e del Calabrone orientale (vespa orientale), nemici delle api e pericolosi anche per l’uomo.

Grazie alla collaborazione con il Centro Biocrime della Direzione Centrale Salute, Politiche Sociali e disabilità – Servizio Prevenzione, Sicurezza Alimentare e Sanità Pubblica Veterinaria della Regione Friuli Venezia Giulia è stato posizionato, nell’apiario, un sistema di monitoraggio che ha consentito la rilevare costantemente la salute delle api ed intervenire in tempo per verificare se eventuali cambiamenti fossero determinati dall’interferenza di questi dannosi insetti.

Questo, come tutti i percorsi che caratterizzano le proposte dell’Assessorato ai Giovani, consentono a molti ragazzi di sviluppare le proprie attitudini, ma anche di far nascere nuovi interessi attivati grazie alle collaborazioni messe in atto. Intanto, il Progetto Area Giovani, può festeggiare questo importante successo con una raccolta di miele davvero importante.