Arte Musica e CulturaNews

PEETA geometrie e anamorfismi a Trieste

Dal 6 al 12 giugno Trieste ospita, attraverso il progetto di creatività urbana “Chromopolis – La città del futuro”, uno dei più importanti street artist del panorama nazionale ed internazionale.

Manuel di Rita si fa conoscere dal principio degli anni ’90 nella scena italiana della creatività urbana sotto lo pseudonimo di Peeta. La sua evoluzione si concretizza nella finale elaborazione di uno stile che prende spunto dalla scultura e dal design industriale e giunge ad una personale esecuzione della pittura tridimensionale e anamorfica di grande effetto.

Peeta, nato nella provincia di Venezia, è uno degli street artisti contemporanei più importanti del panorama internazionale ed opera in tutto il mondo. Le sue composizioni (pittoriche, scultoree e murali) rendono possibile l’interazione geometrica delle forme con l’ambiente circostante, in un dialogo con il contesto che le ospita.

La superficie individuata per la realizzazione dell’opera di Peeta si trova in Via del Macelli e conclude la decorazione del perimetro dei muri che circoscrivono gli impianti sportivi “Nereo Rocco” e “Pino Grezar”. Dal 2017, infatti, sono state realizzate 11 opere a cui hanno lavorato 27 artisti che hanno contribuito a trasformare e valorizzare la zona di Valmaura.

La scelta di Peeta, suggerito dall’associazione di street artisti locale Melart, si distingue per l’indiscussa qualità e originalità artistica che confermerebbe il prestigio di cui il progetto “Chromopolis – La città del futuro” promosso dal Comune di Trieste e curato dal PAG Progetto Area Giovani, gode a livello nazionale. La cifra stilistica dell’autore si traduce in un intervento astratto in cui le forme e gli intrecci tridimensionali vengono realizzati con i colori rosso e bianco che rappresenta la città di Trieste e la squadra dell’Unione Sportiva Triestina Calcio 1918, valorizzando in questo modo il rapporto con il contesto in cui si inserisce.

La superficie in cemento armato ha una dimensione di 7,50 m. di base per 9,00 m. di altezza.