Arte Musica e CulturaCittadinanza e PartecipazioneNews

Un murale per Mattia nel segno della breakdance

La prematura scomparsa del giovanissimo e talentuoso Mattia Montenesi, noto negli ambienti nazionali della breakdance come Bboy Scatto, ha portato oltre al cordoglio della città, un desiderio di mantenere viva la sua presenza con un murale; ovviamente un murale in un luogo molto significativo per lui: il Polo Giovani Toti, in cui Mattia per anni ha affinato la sua tecnica di breakdancer.


L’iniziativa, promossa dal Comune di Trieste – Assessorato ai Giovani, a seguito dell’approvazione della mozione consiliare, primo firmatario Corrado Tremul, sarà presentata il prossimo sabato, 26 novembre alle ore 11 alla presenza dell’assessore alle Politiche dell’Educazione e della Famiglia Nicole Matteoni, inaugurando nel contempo l’opera artistica realizzata sul muro interno della terrazza più panoramica del Polo.

L’artista triestino che ha curato la realizzazione del murales è Marco Ghersinich, in arte Dued, individuato per il profondo legame con Mattia attraverso la pratica della breakdance e l’innegabile capacità ritrattistica. Gherisinich infatti si è distinto nel mondo della creatività urbana locale sin dai primi esperimenti di street art in città lungo i muri perimetrali degli impianti sportivi di Ponziana. Per lui, un’altra occasione per dare un contributo al movimento di street art locale attraverso il progetto “Chromopolis_La città del futuro” curato dal PAG Progetto Area Giovani del Comune di Trieste – Assessorato ai Giovani.

La presentazione del murale, ad un anno dalla scomparsa di Mattia, prevederà anche un evento di breakdance domenica, 27 novembre, organizzato dall’associazione dilettantistica sportiva Il Passo, accreditata al PAG Progetto Area Giovani, che costituirà un momento di aggregazione e partecipazione di giovani breakers all’insegna dell’amicizia e della passione in memoria di Mattia.